il sagrato di s.Niccolò di Albissola

Nelle mie conferenze dico che nel Ponente ligure l’Ottocento è arrivato prima.

Una grafica già più rigorosa e composta di quella levantina (interessante il confronto tra due sagrati dello stesso anno, 1766: Deiva e Riva Ligure, qui sotto)

ha accolto da subito le istanze di regolarità che caratterizzerano i sagrati liguri della fine del secolo, modulari e geometrici.

Fin dal 1837

1837-s-niccolo-di-albisola2

1837-s-niccolo-di-albisola3

1837-s-niccolo-di-albisola1

L’acciottolato si presenta in ottimo stato di conservazione: la cosa che balza  subito all’occhio è che la cura appassionata per le geometrie è ancora felicemente accompagnata dalla cura della posa dei ciottoli, serrata ed energica, qualità che nel corso del secolo si andrà perdendo a favore del puro gioco di contrasti.

1837-s-niccolo-di-albisola9

1837-s-niccolo-di-albisola8

1837-s-niccolo-di-albisola4

Altri elementi richiamano ancora le modalità tardo settecentesche: una certa naïveté nell’ideazione e nella distribuzione dei disegni liberi, e una luce generale che alleggerisce l’insieme.

1837-s-niccolo-di-albisola10

1837-s-niccolo-di-albisola6

1837-s-niccolo-di-albisola7

Da visitare perchè sembra davvero “appena fatto”!

Luca Riggio

3479663095

 

N.B. : 

Testi e immagini sono di proprietà di Luca Riggio. Si utilizzano solo citando la fonte       http://www.laboratoriosanluca.it       di Luca Riggio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...