il rissêu delle Turchine

 

 

A Genova ci sono almeno quattro rissêu che di per sè meritano assolutamente una visita, come vere opere d’arte:

  1. il rissêu del cortile della Certosa di Rivarolo-1572
  2. il rissêu del Cortile del Santuario della Madonnetta-1732
  3. i rissêu del sagrato e del parlatorio della Chiesa di S.Chiara- 1654
  4. il rissêu del cortile del Monastero della Santissima Incarnazione

Di questi soltanto l’ultimo è in pieno centro ed è liberamente visitabile: per questo motivo è forse il più noto di tutti i rissêu della città.

Ma dove si trova questo monastero?

risseu monache turchine06rid

Non si trova più…

…si trovava ancora nei primi anni ’60 sotto Corso Carbonara, verso largo della Zecca, dove c’è ancora oggi Salita delle Monache Turchine, ed era il secondo grande convento (detto “delle Turchine di Sotto”)  voluto dai Centurione all’inizio del ‘600 per questo nuovo Ordine, che contava tra le sue fila la famosa Virginia Centurione Bracelli

(le suore erano dette Turchine perchè avevano il mantello azzurro).

risseu monache turchine01

Negli anni 1965 e 1966 questa grande e articolata pavimentazione fu smantellata e ricostruita nel cortile di Palazzo Reale, in via Balbi, ed è il lavoro più importante eseguito da Armando Porta, considerato l’ultimo grande (e fortunato!) acciottolatore ligure.

risseu monache turchine28

Curioso di fare un confronto tra l’originale e la ricostruzione, sono riuscito a trovare una fotografia dell’area di ingresso

confronto vecchionuovo 1 rid

come era

confronto vecchionuovo 2 rid

e come è

si nota che ci sono stati un po’ di riempimenti bianchi impropri nella raffigurazione del terreno; per il resto gli animali e i fregi hanno mantenuto intatta la loro genuinità.

risseu monache turchine02

Nessun altro acciottolato ha una datazione così precisa:

23 luglio del 1739

il lavoro è posteriore di quasi un secolo rispetto al Monastero delle Clarisse, ma ne riprende completamente l’ambizione figurativa: un modo di immaginare il rissêu ben diverso sia dalla astratta decoratività del ‘700 (vedi il coevo cortile della Madonnetta) sia dai moduli ornamentali dell’800.

risseu monache turchine03

Il mosaico, secondo i documenti, raffigura varie costellazioni, così come erano suntuosamente concepite nel ‘600 e ‘700, tra meraviglioso e bucolico, con grande abbondanza di riferimenti esotici e con incredibile profusione di particolari inattesi.

emisfero australe

immagine tratta da Atlas Coelestis.com

non è facile identificarle tutte: si riconoscono per certo

risseu monache turchine33

la Fenice e il Sagittario

risseu monache turchine13

il Pavone

risseu monache turchine18

il Leone

risseu monache turchine17

il Lupo

risseu monache turchine16

ma le Gru sono due

risseu monache turchine24

e la Nave sembra più una barca in una scena di pesca, con un pescatore che scola un fiasco di vino…

Costellazioni o no, c’è un riferimento – inconsapevole – alle origini del mosaico di ciottoli, con numerose scene di caccia

risseu monache turchine10

cane e cervo

risseu monache turchine11

cane e cavallo

risseu monache turchine19

cani e cinghiale

risseu monache turchine22

 e altri animali non facili da identificare

risseu monache turchine15

 quantomai “meravigliosi”- come si ricava anche dai disegni dell’epoca

risseu monache turchine21

l’elefante

risseu monache turchine12

il leopardo

risseu monache turchine14

e quasi per contrasto consuete scene di pace agreste

risseu monache turchine04

risseu monache turchine25

Ma non è finita: vale la pena di soffermarsi ancora su alcuni particolari davvero espressivi e graficamente indovinati

risseu monache turchine34

gli uccelli al fontanile, con le gocce d’acqua

evidenza

il movimento della testa del cavallo

tipo della fiasca

il marinaio che beve vino

risseu monache turchine39

il giovane suonatore

risseu monache turchine37

il contadino con gli asini

risseu monache turchine41

la coppia di uccelli sull’albero

risseu monache turchine31

galli e galline sotto l’albero

risseu monache turchine32

una piccionaia

risseu monache turchine44

il volto umanizzato e terrorizzato del leopardo…

e ancora molti altri oggetti e soggetti che sarà divertente scoprire al vostro sopralluogo.

risseu monache turchine01

il vialetto verso sud, a differenza degli altri, è composto con pietre bianche di frantoio invece che con ciottoli di spiaggia: data l’accuratezza dell’insieme presumo si tratti di un segno per determinare una porzione ricostruita (probabilmete in base a disegni o documenti) ma perduta al momento del trasloco – e sembrerebbe confermarlo la boscaglia che invade questa zona nella foto dell’originale:

risseu monache turchine zona perduta rid

Per concludere, una piccola nota personale: questo lavoro di documentazione (sia fotografica che altro, come tutto ciò che trovate nel sito di laboratoriosanluca.it) è svolto gratuitamente e per pura passione – non esitate a comunicare con me per suggerimenti, condivisioni e magari anche per… qualche proposta di lavoro!!!

Luca Riggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...